Il nostro team

Il nostro team

Ammessa all’esercizio della professione forense in Italia.

Co-founding e managing partner.

[email protected]

Laurea in giurisprudenza – Università degli Studi di Milano “Statale” (2007), Italia.
Ricercatrice – Seoul National University (2008), Corea del Sud.
Ordine degli avvocati di Milano (2010).
Lingue: coreano e italiano (bilingue), inglese.

Aree di attività:
Diritto societario/M&A, tutela degli investimenti, diritto commerciale, real estate e diritto del lavoro.
Contenzioso, commerciale e consulenza. Energy, moda, real estate, digital entertainment & technology.

Carriera:
Ju Yeon è una cittadina coreana abilitata all’esercizio della professione forense in Italia, dove ha conseguito la laurea in giurisprudenza. È bilingue in coreano e in italiano, una caratteristica unica tra i legali italiani che le ha permesso di assistere con successo le aziende coreane che operano in Italia. Ju Yeon ha oltre 10 anni di esperienza nel settore legale, acquisita lavorando presso studi legali internazionali italiani di prima fascia. Prima di avviare il progetto Insight, del quale è socia fondatrice nonché managing partner, Ju Yeon ha diretto il dipartimento di diritto commerciale e il desk coreano di uno studio legale indipendente italiano.

Nel corso della sua esperienza professionale Ju Yeon ha gestito e coordinato progetti di M&A e joint venture ed ha inoltre assistito importanti società multinazionali coreane nell’ambito dei loro investimenti in Italia ed in altri paesi europei. L’esperienza di Ju Yeon riguarda settori molto diversi fra loro, sebbene la sua attività si concentri soprattutto sul settore dell’energia (rinnovabile), della moda e della tecnologia. Fra i clienti di Ju Yeon vi sono sia organizzazioni commerciali sia autorità diplomatiche coreane.

Un fattore chiave che ha condotto Ju Yeon ad avviare Insight nel febbraio 2018 è stato il suo desiderio di assistere le aziende coreane nei loro investimenti in Italia e in Europa. Ju Yeon aiuta i clienti coreani a comprendere il mercato e la legislazione italiana ed europea, nonché a sviluppare strategie che meglio si adattano ai loro obiettivi commerciali.

Ammesso all’esercizio della professione forense in Italia.

Co-founding partner.

[email protected]

Laurea in giurisprudenza – Università degli Studi di Napoli Federico II (2009), Italia.
Programma Erasmus presso l’Università di Cantabria a Santander, Spagna.
Specializzazione post-laurea in diritto dell’Unione Europea (Jean Monnet) – Università di Cantabria (2008).
Corso generale sulla proprietà intellettuale WIPO (2016).
Ordine degli avvocati di Milano (2012).
Lingue: italiano (madre lingua), inglese, spagnolo.

Aree di attività:
Proprietà intellettuale (marchi, diritto d’autore, design, brevetti, segreti commerciali, concorrenza sleale, diritto delle pubblicità e del marketing). Contenzioso, commerciale e consulenza. Moda, digital entertainment & technology.

Carriera:
Alessandro ha una vasta esperienza legale avendo lavorato presso studi internazionali leader nel settore della proprietà intellettuale prima di fondare lo studio legale Insight.

L’esperienza nel contenzioso in materia di proprietà intellettuale ha consentito ad Alessandro di affrontare diversi casi fra i quali si possono citare cause di nullità e contraffazione di brevetti, marchi, diritti d’autore e diritti morali, design, segreti commerciali, concorrenza sleale e antitrust. Nel corso della sua carriera ha rappresentato clienti nazionali e internazionali attivi negli ambiti della tecnologia, dell’innovazione e della moda per la difesa dei propri diritti di proprietà intellettuale e industriale.

Pur avendo iniziato la sua carriera nel contenzioso IP, nel corso degli anni Alessandro ha sviluppato competenze importanti nella redazione e negoziazione di contratti di licenza, contratti di franchising, contratti di merchandising nonché in relazione ad accordi per la cessione di diritti di proprietà intellettuale e, in particolare, diritti sui marchi, sul diritto d’autore, sui design e sui brevetti in settori e contesti diversi quali la moda e l’intrattenimento.

Alessandro assiste inoltre i clienti nel deposito e nella registrazione dei marchi e design, compresa la rappresentanza nelle procedure di opposizione e nullità dinanzi agli uffici di proprietà intellettuale europei e italiani.

Ammesso all’esercizio della professione forense in Italia.

Senior associate.

[email protected]

Laurea in giurisprudenza – Università della Calabria (2010), Italia.
Programma Erasmus – Università di Valencia, Spagna.
Cultore della materia Informatica Giuridica – Università degli studi dell’Insubria di Como e Varese (dal 2014), Italia.
Ordine degli Avvocati di Milano (2014).
Lingue: italiano (madrelingua), inglese, spagnolo.

Aree di attività:
Diritto penale, information technology, diritto d’autore, segreti commerciali, concorrenza sleale, antitrust e pubblicità.
Contenzioso, commerciale e consulenza. Moda, technology, digital entertainment.

Carriera:
Matteo ha sviluppato le sue competenze collaborando con i principali studi legali italiani e internazionali e assistendo, nel corso della sua carriera professionale, le più importanti aziende tecnologiche mondiali.

L’esperienza maturata nel campo delle controversie penali e della giurisprudenza informatica include tutti i casi previsti dal codice penale italiano, tra cui in particolare: frode, sostituzione della persona, stalking, trattamento illecito di dati personali, omicidio e omicidio colposo, lesioni colpose, responsabilità medica e tutte le altre ipotesi di reato che potrebbero essere commessi attraverso l’uso di un personal computer.

Inoltre, Matteo si occupa di controversie sia in ambito giudiziale che stragiudiziale e, nel corso degli anni, ha anche maturato una significativa esperienza nel campo della protezione dei dati e della privacy (GDPR), della sicurezza informatica, in materia di responsabilità medica, della crisi e della gestione della reputazione online e, altresì, in ambito di definizione delle controversie penali relative alla tutela della proprietà intellettuale.

Assiste e rappresenta i clienti davanti ai tribunali di tutta Italia e inoltre fornisce consulenza nel contesto dell’esecuzione di pene detentive.

Ammesso all’esercizio della professione forense in Italia.

Of counsel.

[email protected]

Laurea in giurisprudenza (2010) – Università degli Studi di Napoli “Federico II”.
Dottore di ricerca in Istituzioni e politiche ambientali, finanziarie, previdenziali e tributarie (2015) – Università degli Studi di Napoli “Federico II”.
Ordine degli Avvocati di Napoli (2015).
Lingue: italiano (madrelingua), inglese.

Aree di attività:
diritto amministrativo, diritto edilizio e urbanistico, diritto degli appalti pubblici, diritto commerciale, contenzioso amministrativo.

Carriera:
Andrea ha maturato un’esperienza professionale decennale nel settore del diritto amministrativo.

Nel corso della sua carriera ha gestito pratiche sia giudiziali che stragiudiziali ed ha sviluppato competenze specifiche in ambito edilizio ed urbanistico, nonché nell’assistenza dei clienti nelle procedure per la concessione e l’appalto di servizi pubblici.

Andrea assiste e rappresenta numerosi clienti, anche internazionali, in operazioni straordinarie di real estate, nonché fornisce consulenza alle aziende straniere interessate ad investire nel mercato italiano.

Andrea detiene inoltre un dottorato di ricerca in diritto ambientale ed è autore di diversi articoli pubblicati in riviste specializzate.

Selezioni delle pubblicazioni:
– Rivista “Innovazione e Diritto” n. 1/2014, curata dalla Sezione di Finanza Pubblica, (www.innovazionediritto.unina.it): “l’esclusione dalle gare di appalti delle società che non sono in possesso dei requisiti di capacità generale di cui all’art. 38, comma1, lett. g), d.lgs. n. 163/2006, perché versano in situazione di irregolarità fiscale, il rapporto tra la necessità dell’accertamento “definitivo” di tali irregolarità e le conseguenze della rateizzazione del debito fiscale”, alla luce della sentenza del Consiglio di Stato, sez. III, 5.3.2013, n. 1332.

– Rivista “Innovazione e Diritto” n. 5/2014, curata dalla Sezione di Finanza Pubblica, (www.innovazionediritto.unina.it): “la sentenza della Corte Costituzionale del 6.10.2014, n. 228 che ha dichiarato incostituzionale l’art. 32, comma 1, numero 2), secondo periodo, d.P.R. 600/1973, affermando l’assunto secondo cui i prelievi dal conto corrente bancario senza giustificazione, da parte di professionisti e lavoratori autonomi, non possono costituire autonomamente compensi in nero”.

– Codice dei Beni Culturali Ragionato, Nel Diritto Editore, Edizione 2018: “Commento agli artt. 148, 149 e 150, d.lgs. n. 50/2016”.

Abilitato all’esercizio della professione forense in Italia.

Associate.

[email protected]

Laurea in giurisprudenza – Università di Bologna (2011), Italia.
LL.M. Intellectual Property – Università di Torino, WIPO & ITC-ILO (2015), Italia.
Master Maestro della Protezione dei Dati & Data Protection Designer – Academy Istituto Italiano
per la Privacy e la Valorizzazione dei Dati (IIP) – Milano (2020), Italia.
Ordine degli Avvocati di Milano (2020).
Lingue: Italiano (madrelingua), Inglese.

Aree di attività:
Proprietà intellettuale (marchi, diritto d’autore, design, brevetti, segreti commerciali, concorrenza sleale), fashion law, privacy & data protection, IT law, diritto commerciale.
Contenzioso e consulenza.

Carriera:
Carmine è specializzato nel diritto della proprietà intellettuale. Dopo la laurea magistrale in giurisprudenza con una tesi in diritto civile, ha conseguito un LL.M. in Intellectual Property. Prima di unirsi ad Insight ha svolto la sua attività professionale in studi legali internazionali dove ha rafforzato le competenze nelle aree di attività che hanno caratterizzato il suo percorso di formazione.

Negli anni Carmine ha acquisito un’importante esperienza nella consulenza ed assistenza delle imprese in ambito IP, compreso il contenzioso, aiutando i clienti ad individuare le soluzioni più adeguate per la tutela dei loro diritti di privativa, anche attraverso la negoziazione di contratti IP e la protezione del know-how e dei segreti commerciali.

Carmine gestisce il portafoglio di marchi e design dei clienti, fornendo consulenza ed assistenza sia nella fase di deposito e fino alla registrazione che nelle procedure di rinnovo, opposizione e nullità dinanzi agli uffici di proprietà intellettuale europei ed italiani.

Inoltre, ha maturato una significativa esperienza in materia di protezione dei dati personali e, nello specifico, nella predisposizione di documenti e gestione degli adempimenti privacy, nello svolgimento di attività di assessment e compliance al regolamento UE 679/2016 (“GDPR”) e codice privacy, nonché nella redazione e negoziazione di contratti IT e licenze software.

Ammesso all’esercizio della professione forense in Italia.

Associate.

[email protected]

Laurea in giurisprudenza (2010) – Università degli Studi di Perugia.
Master in diritto penale societario – Scuola legale “Just Legal Service”.
Ordine degli Avvocati di Milano (2014).
Lingue: italiano (madrelingua), inglese.

Aree di attività:
Reati societari “white collar crimes”, diritto penale societario, reati contro il patrimonio, reati fallimentari, reati contro la Pubblica Amministrazione, responsabilità amministrativa delle persone giuridiche ex D. Lgs. 231/2001, contenzioso penale.

Carriera:
Damiano ha maturato un’esperienza professionale decennale nel settore del diritto penale societario.
Nel corso degli anni ha sviluppato competenze specifiche nell’ambito dei reati societari “white collar crimes”, nonché dei reati aziendali (sicurezza, ambiente e frodi).

Damiano rappresenta ed assiste numerose società, anche straniere, su tutto il territorio nazionale sia in ambito stragiudiziale che giudiziale.

Nel corso della sua carriera si è inoltre occupato di reati tributari, reati contro la Pubblica Amministrazione, nonché di casi di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (cd. “procedimenti 231”).

Damiano ha maturato inoltre un’estesa esperienza nell’ambito di reati fallimentari (bancarotta, reati tributari, falso in bilancio e market abuse) ed è stato più volte nominato nel corso di procedure fallimentari quale difensore del fallimento.

Junior associate.

[email protected]

Laurea in giurisprudenza – University of Lancaster (2012), Regno Unito.
Master in diritto della proprietà intellettuale – Queen Mary, University of London (2015), Regno Unito.
Laurea in giurisprudenza – Università degli Studi di Milano “Statale” (2019), Italia.
Lingue: italiano e inglese (bilingue).

Aree di attività:
Diritto societario e commerciale, M&A, tutela degli investimenti. Proprietà intellettuale, digital entertainment & technology. Contenzioso, commerciale e consulenza.

Carriera:
Liam è un professionista italo-britannico stabilito a Milano. È perfettamente bilingue in italiano e in inglese. Ha frequentato le facoltà di giurisprudenza presso università britanniche e italiane, circostanza che gli ha consentito di approfondire questioni attinenti sia al common law sia al civil law.

Nel corso della sua carriera Liam ha sviluppato una doppia specializzazione in diritto societario e diritto della proprietà intellettuale. In particolare, ha acquisito significativa esperienza nell’assistenza in favore di clienti impegnati in operazioni commerciali e negoziazioni con controparti italiane, sia private che pubbliche. Liam ha inoltre fornito consulenza e assistenza a clienti italiani e internazionali sia in ambito stragiudiziale che giudiziale nella difesa dei loro asset immateriali.

All’esperienza in campo giuridico internazionale si aggiunge una certa sensibilità culturale che consente a Liam di assistere clienti internazionali nel raggiungimento dei loro obiettivi commerciali in Italia e in Europa.

Junior Associate.

[email protected]

Laurea in giurisprudenza presso Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano (2015), Italia.
Lingua: Italiano (madrelingua) e Inglese.

Aree di attività:
Privacy & Data Protection, proprietà intellettuale, diritto d’autore e dei consumatori, digital entertainment & information technology.
Contenzioso, commerciale e consulenza.

Carriera:
Nicolò si è laureato in giurisprudenza con una tesi in materia di proprietà intellettuale (disegni e modelli) e successivamente ha svolto la sua attività professionale all’interno di studi legali italiani sviluppando una approfondita conoscenza del diritto della protezione dei dati personali.

Offre consulenza ed assistenza alle imprese relativamente alla predisposizione e gestione di tutti gli adempimenti privacy previsti dalla normativa vigente (redazione della Data Protection Impact Assessment – DPIA, individuazione e nomina del DPO, ecc.), nello svolgimento di attività di assessment e compliance al Regolamento 679/2016 (“GDPR”) ed al Codice Privacy, nella strutturazione di organigrammi privacy interni e nella preparazione della documentazione privacy necessaria (Informative privacy, Privacy e Cookie Policy per siti web, Data Transfer Agreements, flussi di dati verso soggetti esterni, quali responsabili del trattamento, ecc.).

Ha seguito il processo di adeguamento al GDPR di un importante gruppo leader in Italia nel settore della sanità privata ed ha contribuito allo sviluppo di un progetto europeo volto a migliorare la conoscenza della normativa privacy applicabile al Cloud Computing nel mercato europeo.
Svolge svariate attività di due diligence, anche in ambito privacy, sia relativamente ad operazioni di M&A che a quotazioni societarie.

Ha partecipato come relatore a corsi di formazione privacy per società italiane ed internazionali.

È co-autore di due commentari privacy al Regolamento UE 679/2016.

Chief Technology & Innovation Officer.

[email protected]

Lingue: coreano e italiano (bilingue), inglese.

Aree di attività:
Proprietà intellettuale, anti-piracy software aziendale e interattivo, brand protection, business & marketing development, social media, B2B/B2C e-commerce, intrattenimento digitale ed esports.

Carriera:
Aron ha iniziato il suo percorso professionale nel 2002 nella divisione Legal & Corporate Affairs di Microsoft occupandosi di antipirateria, anticontraffazione ed enforcement per l’Italia e l’Europa occidentale, sia in ambito civile che penale. Grazie all’esperienza maturata, nel 2008 è stato nominato Anti-Piracy Manager per AESVI (Associazione Editori Sviluppatori Videogiochi Italiani), dove ha sviluppato e implementato il programma di enforcement relativo ai diritti di proprietà intellettuale degli associati.

Successivamente è entrato a far parte dell’unità antipirateria e business unit della Federazione Industria Musicale Italiana (FIMI) dove ha continuato ad occuparsi di antipirateria e anticontraffazione del software aziendale ed interattivo, nonché di brand protection. Su quest’ultimo fronte, ha gestito operazioni di tutela del brand e dei servizi anti-piracy per multinazionali del settore della moda, del lusso, e dell’intrattenimento digitale e televisivo.

Nel tempo ha maturato una profonda conoscenza delle piattaforme social ed e-commerce B2B e B2C statunitensi, europee e asiatiche con un focus specifico per piattaforme basate in Cina, Giappone e Corea del Sud.

Grazie al suo background trasversale al mondo istituzionale, aziendale e commerciale, è stato scelto come Head of Team della business unit europea di una multinazionale farmaceutica coreana dove si è occupato della pianificazione e dello sviluppo delle strategie marketing e business per l’Europa e Asia, coordinato l’R&D di prodotti per il mercato italiano e asiatico, e supportato le attività legali e regolatorie (Italia e Cina) per la casa madre.

La sua passione per i videogiochi e competitive gaming lo hanno riportato nel mondo dell’intrattenimento interattivo, dove è impegnato nello sviluppo di video giochi e negli esports.